Greta Thunberg e la sindrome di Asperger

Greta Thunberg e la sindrome di Asperger

Greta Thunberg, l’attivista svedese per lo sviluppo sostenibile contro il cambiamento climatico è famosa per le manifestazioni tenute in Svezia a sostegno del clima.

E’ figlia della cantante d’opera Malena Ernman e dell’attore Svante Thunberg.

Greta soffre della sindrome di Asperger, di un disturbo ossessivo compulsivo, mutismo selettivo e disturbo da deficit di attenzione-iperattività.

La Thunberg si è ammalata della sindrome di Asperger a 11 anni, e a seguito di una forte depressione ha smesso di mangiare e parlare.

La Sindrome di Asperger presenta delle caratteristiche simili all’autismo, come schemi di comportamento reiterati, ipoattività o iperattività(questo il caso della Thunberg), ma a differenza dell’autismo non agisce sull’apprendimento, infatti non sono segnalati particolari ritardi nello sviluppo cognitivo.

Questa sindrome è spesso correlata ad altri problemi come depressione, ansia, disturbo ossessivo compulsivo, e il disturbo non verbale dell’apprendimento.

Il Mutismo selettivo invece è un disturbo che colpisce prevalentemente i bambini, e in genere si manifesta con l’incapacità a parlare in alcuni contesti, in genere fuori di casa, in situazioni scolastiche, o pubbliche.

Si tratta di un comportamento causato da forte stress e a stati d’ansia.

In genere i bambini e i ragazzi che soffrono di mutismo selettivo anche se vogliono parlare in contesti in cui c’è presenza di persone estranee non riescono a parlare, ed invece al contrario in casa sono socievoli e comunicano normalmente.

Malena Ernman è una cantante mezzo soprano svedese, che ha rappresentato la Svezia nel 2009 all’Eurofestival, arrivando al 21esimo posto.

Insieme a suo marito Svante Thunberg ha scritto un libro, “scene dal cuore” in cui racconta la vita della propria famiglia.

Svante Thunberg ha sempre sostenuto le attività e manifestazioni della figlia Greta, come ad esempio nel 2018 a Katowice in Polonia dove sono intervenuti alla conferenza dell’ONU sul cambiamento climatico.

Lascia un commento