Si possono installare i pannelli fovotoltaici in zone con poco sole?

Si possono installare i pannelli fovotoltaici in zone con poco sole?

I cittadini sono sempre piu’ interessati alle verso fonti di energia rinnovabili per soddisfare le loro esigenze energetiche. Mentre l’energia solare è un modo economico ed efficace per soddisfare i requisiti energetici mondiali, il fattore importante da considerare è se i pannelli fotovoltaici possono davvero avere un senso anche in zone fredde con poca insolazione.

Il pannello solare funziona con poca luce? Sì, i pannelli solari possono funzionare in aree ombreggiate e durante i giorni nuvolosi, ma la loro capacità di potenza in uscita è compromessa a causa della minore esposizione alla luce solare. Alcune soluzioni come il design dei pannelli solari e l’orientamento del tetto possono aiutare a prevenire un’eccessiva perdita di potenza causata dalla minore esposizione alla luce solare.

Per dare forza a questa affermazione basti pensare alla Germania, spostata molto piu’ a nord rispetto all’ Italia, in una zona piu’ fredda, con meno insolazione. La Germania è pero’ al primo posto in Europa per potenza installata da sistemi fotovoltaici. Ora che i prezzi dei pannelli fotovoltaici sono scesi moltissimi la convenienza si è fatto piu’ forte.

Le persone generalmente assumono che i pannelli solari non siano utili se non esposti alla luce solare intensa. Tuttavia, questo è un malinteso e i moderni moduli fotovoltaici sono abbastanza capaci da funzionare anche in condizioni di scarsa luce. Tuttavia, è necessario analizzare l’effetto dell’ombra sul pannello solare, nonché come è possibile minimizzarlo e quale tipo di design del pannello è giusto per soddisfare le tue esigenze di alimentazione date le condizioni di ombreggiatura della tua posizione.

Cosa causa l’ombreggiatura e influisce sui pannelli solari?

Come discusso in precedenza, l’ombreggiatura svolge un ruolo cruciale nell’efficienza dei pannelli solari. Esistono diverse fonti che possono essere causa di ombra sui pannelli solari. Le fonti più comuni sono elencate di seguito:

  • Alberi: molte aree residenziali situate in spazi verdi devono affrontare problemi di ombreggiamento. Gli alberi vicino agli impianti possono causare problemi di ombreggiamento limitando la produzione.
  • Nuvole – Il tempo gioca un ruolo molto importante nel determinare la quantità di luce solare che raggiunge i pannelli solari. Le nuvole non bloccano completamente la luce solare ma riducono la quantità di esposizione alla luce solare sul pannello che riduce la produzione di elettricità
  • Altri pannelli – I pannelli solari possono anche essere ombreggiati dai pannelli vicini, specialmente in presenza di installazioni a terra. Se installati in modo errati, i pannelli vicini possono proiettare un’ombra sui moduli dello stesso sistema.
  • Tetto ed edifici – I pannelli sono fortemente influenzati dai tetti e dagli edifici circostanti se il sistema si trova in un’area eccessivamente popolata. In base alle ore di punta del giorno, gli edifici e i tetti circostanti possono bloccare la luce solare sui pannelli.

Ora che abbiamo esaminato le fonti di ombreggiamento, discutiamo dell’impatto che hanno sull’ impianto.

Cala l’efficienza: un pannello solare è costituito da celle solari. Le celle solari coperte dall’ombra smetteranno di funzionare, quindi se il 50% delle celle solari del pannello sono all’ombra, l’efficienza del pannello solare sarà ridotta alla metà ma l’ombreggiatura non interromperà completamente la produzione di elettricità. La maggior parte dei moderni pannelli fotovoltaici può funzionare anche in condizioni di scarsa illuminazione ma a scapito dell’efficienza. La perdita di potenza varia in base alla quantità di ombra rivolta verso i pannelli.

Riduce la durata della vita – Quando alcune celle solari in un pannello solare non funzionano a causa dell’ombreggiatura, altre celle prive di ombra lavorano più duramente per compensare le perdite di potenza. In questo processo, le celle solari non ombreggiate potrebbero surriscaldarsi o bruciarsi a causa di prestazioni eccessive. Ciò riduce la durata del pannello solare e può provocare danni permanenti al sistema fotovoltaico. I diodi di bypass possono essere utilizzati per ridurre al minimo l’effetto dell’ombreggiamento parziale sul pannello solare.

I pannelli solari hanno bisogno della luce solare diretta per avere un senso?
Molte persone si chiedono se la luce solare diretta sia necessaria per rendere il solare un’opzione fattibile economicamente o meno. Sì, in effetti, maggiore è l’esposizione al sole, quindi maggiore è la produzione generata dai pannelli. È vero che la luce solare diretta fornisce le condizioni ottimali per il funzionamento del pannello, anche se anche con tempo nuvoloso, parte della luce potrebbe ancora raggiungere i pannelli solari per farli funzionare.

Si stima che un pannello solare sarà meno efficace del 40% in condizioni di tempo nuvoloso.

In un pannello solare collegato alla rete, l’eccesso di energia generata durante una giornata di sole viene ricondotta alla rete pubblica in cambio di crediti energetici. Questo viene fatto tramite un dispositivo noto come un contatore di rete che misura l’elettricità che va da e verso la rete. I crediti energetici possono essere utilizzati per assorbire energia di notte e in una giornata nuvolosa. In Italia il sistema è chiamato SCAMBIO SUL POSTO.

Il termine “ore di massima insolazione” si riferisce alle ore durante le quali l’intensità della luce solare è massima, ovvero tra le 11 e le 16. I mesi migliori in Italia sono ovviamente quelli piu’ caldi ovvero giugno-luglio-agosto.

Lascia un commento