ONG e Ambiente: Quali Organizzazioni operano attivamente?

ONG e Ambiente: Quali Organizzazioni operano attivamente?

L’ambiente è un tema molto sentito da parte degli abitanti del pianeta, e quando si parla di ONG ce ne sono diverse che operano attivamente per la salvaguardia dell’ambiente e del benessere del nostro pianeta.

Le ONG che sono attive sul tema ambientale si concentrano prevalentemente sulle risorse naturali e sulle piccole comunità.

Ma Quali sono di fatto le organizzazioni senza fine di lucro che supportano le attività a sostegno dell’ecosistema e dell’ambiente?

In Brasile ad esempio conosciamo la ONG RARE, che opera anche in Indonesia e Filippine, a supporto delle comunità locali nella gestione della pesca e per la tutela delle acque della zona costiera.

In Colombia si concentra sul ripristino dei bacini d’acqua dei fiumi, per aiutare la fornitura d’acqua delle popolazioni locali.

In Cina invece l’attività di RARE si concentra sull’agricoltura sostenibile e la biodiversità, supportando gli agricoltori locali.
L’agricoltura sostenibile è un tema molto sensibile visto il sovrappopolamento della terra previsto per il 2050 portato a rasentare i nove miliardi di abitanti. E’ quindi un’attività su cui concentrare gli sforzi anche in altri paesi.

La CERES opera negli stati Uniti, supportando le aziende che si concentrano per contrastare i cambiamenti climatici, investendo in energie rinnovabili e combattendo la scarsità d’acqua. Ceres si concentra sulla parte di analisi e ricerca, stimolando i capi d’azienda per agire in supporto dell’ambiente e del nostro clima.

Nel settore agroalimentare ha messo a punto uno strumento on line chiamato Engage the Chain, volto a valutare l’impatto ambientale della produzione di prodotti agricoli destinati all’alimentazione, riguardo la scarsità d’acqua, l’inquinamento da scarti e scorie e i cambiamenti del clima.

La rete sviluppata da Ceres si è concentrata negli ultimi anni per regolare lo spreco causato dalla produzione di carni, e portando alcune grandi aziende del settore come Tyson Food ad attuare piani di miglioramento della gestione delle risorse idriche nelle coltivazioni destinate alla alimentazione degli allevamenti.

Parlando di Agricoltura sostenibile un’altra ONG che concentra le proprie forze in questo settore è la Rainforest Alliance. L’obiettivo è di educare e cooperare con gli agricoltori locali per attuare pratiche di gestione sostenibile del territorio, votata al non spreco e al recupero di zone forestali e di paesaggi di carattere agricolo.

In Ghana Rainforest Alliance sostiene i coltivatori di Cacao attraverso Sat4Farming, che fornisce informazioni e servizi per aumentarne la produttività delle coltivazioni.
Il progetto si concentra per fornire piani di sviluppo agricolo a supporto dei produttori locali nel tempo.
Rainforest Alliance si impegna anche per combattere la deforestazione causata dalla produzione di massa del cacao. L’obiettivo è quello di ripiantare alberi per riforestare le zone di coltivazione. Finora si è arrivati a recuperare oltre 250 ettari di terreni in degrado.

Quali sono le ONG impegnate nell’Ambiente in Italia?

Diverse sono le Associazioni Non Governative che anche in Italia sono fortemente impegnate nel settore della salvaguardia e tutela dell’ambiente.

Amici della Terra Italia si occupa di valorizzare l’ambiente e l’ecosistema naturale, mantenendo l’equilibrio tra l’attività dell’uomo e la natura che lo circonda.

La FAI, il Fondo Ambiente Italiano, è una fondazione senza fine di lucro concentrata nella tutela e valorizzazione dei beni culturali di interesse artistico, storico, e paesaggistico, attraverso attività di recupero e protezione dal degrado. Diverse sono le attività e gli eventi che FAI organizza anche per avvicinare alla percezione del valore del patrimonio artistico italiano.

Un’altra organizzazione storica italiana è Legambiente, che stimola i cittadini italiani alla partecipazione attiva per la difesa dell’ambiente e il miglioramento della qualità della vita.

In ambito di inquinamento dei mari, Marevivo si occupa invece di studiare, ricercare e sviluppare interventi specifici, volti alla salvaguardia di specie animali e vegetali, dell’attività di pesca, della promzione delle aree marine protette, e tutela del mare.

Lascia un commento